Udon Ramen

 

 

Ciao Ragazzi!!
Ben tornati!!

Chi mi segue anche su Facebook e Instagram, saprà che ieri ho cucinato il Kimchi e devo dire che davvero è stato un lavoraccio e sono arrivato a fine ricetta stremato.

Spero che ne valga la pena; adesso sta fermentando e sto producendo quella acquatta tanto buona e sana:
Quindi ieri oltre al Kimchi non ho fatto altre ricette.
Ma non sono qui per parlare di questo.

Ultimamente sto’ studiando sempre di più la cucina asiatica e la adoro.
Anche se in Italia è pieno di ristoranti cinesi/giapponesi la cucina fatta in casa è sempre meglio.
Sarà per via del fatto che possiamo personalizzare le ricette come meglio preferiamo o semplicemente perchè l’amore rende tutto più buono.
Non so la risposta ma devo dire che i miei Ramen sono sempre più buoni di quelli che mangio in giro.

Oggi ho fatto una variante del classico Ramen.
Ho usato gli Udon, una sorta di “spaghettoni” di grano presi da un alimentari cinese.

Come sempre ogni volta che entro in uno di quegli alimentari etnici, uscirei portandomi via anche il commesso, ma i soldi scarseggiano e quindi ho preso l’essenziale; e gli oreo.
L’essenziale e gli Oreo.

Ma iniziamo a vedere questa ricetta.

Ingredienti:

2tsp di Istant Miso
q.b. Tofu
Cipollotto
1foglio di Alga Nori
Funghi Shitake Secchi
Confezione di Udon

Questa volta devo fare delle precisazioni.

Ho preferito usare l’Istant miso perchè è l’equivalente del dado per il brodo normale.
È molto più veloce perchè ogni volta fare il brodo di miso è troppo lunga e così è molto più veloce e devo dire che non è niente male.
Inoltre l’Istant Miso è facile anche da trovare nei supermercati comuni, per intenderci io l’ho preso alla Pam.

Per quanto Riguarda il Tofu ho usato dei rotoloni che servono a fare dei tagliolini di tufo.
Sono dei fogli arrotolati, simili alla pasta delle tagliatelle prima di tagliarle.
Sono di tofu essicato, da mangiare così è un po’ duro ma se lo facciamo bollire insieme al brodo si ammorbidisce.
Inoltre la forma a spirale di questo tofu, richiama un po’ i bastoncini di polpa di granchio tipici dei Ramen originali.

Procedimento:

Iniziamo a mettere un pentolino pieno d’acqua sul fuoco e aggiungiamoci il Miso, i Funghi Shitake e il Tofu.
Questo procedimento serve a fare rinvenire i Funghi che essendo secchi non sono commestibili e a fare ammorbidire il tofu.

Mentre il brodo inizia a scaldarsi, accendo un altro fornello a fuoco bello alto.
Prendo il foglio di alga nori e lo passo direttamente sul fuoco vivo.

Questo procedimento serve a fare diventare croccante l’alga, dovete bruciaccarla appena appena in modo che diventi raggrinzita.

Una volta che vedete che l’alga è secca (sentirete un odore di pesce fortissimo), mettetela in un sacchetto per alimenti piegata in quattro e con le mani spaccatela.

Basterà toccarla per fare si che si riduca in piccoli pezzettini.
Ricorderà un sacco l’odore del pesce alla piastra, devo dire che mi ha stupito questo modo di trattare l’alga.
Andremo aggiungerla una volta impiantato.

Mettiamo su un’altro pentolino con dell’acqua per gli Udon.
Quando bolle saliamo e mettiamo gli Udon.

Devono bollire solo due minuti, sono subito pronti.

Nel frattempo tagliamo la parte verde del cipollotto, conferirà una nota di sapore e un vago di ricordo di profumo di limone al piatto.

Scolate gli Udon e metteteli in una ciotola.

Controllate che il miso abbia raggiunto l’ebollizione, e con l’aiuto di un mestolo versate il brodo sopra gli Udon.
Deve esserci abbondante brodo, ma non da coprire completamente gli spaghetti.

Con l’aiuto di una pinza, prendiamo i funghi Shitake e il Tofu e adagiamoli sopra gli udon.

Apriamo il sacchetto contenente l’alga sbriciolata e adagiamo i pezzetti di alga sulla ciotola.

Aggiungiamo il cipollotto fresco al centro del piatto.

E il nostro ramen è pronto.

Questa è una semplice variante di un ramen che non contenga i soliti noodles tipici.

Fatemi sapere come vi è venuta!!!

Stay Tuned!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *